tolarisimone

Archive for maggio 2010|Monthly archive page

Van Gaal : ci serve un difensore

In Uncategorized on 26 maggio 2010 at 10:23

Per la rubrica meglio tardi che mai
Van Gaal dichiara : al Monaco abbiamo bisogno di un difensore!
Mi viene voglia di dire : beh avevi Lucio ad inizio stagione e lo hai fatto scappare all’Inter che guarda un pò ti ha battuto in finale, la finale in cui De Michelis e Van Buyten non hanno fatto proprio una bella figura.

Cannavaro all’Amburgo?

In Uncategorized on 25 maggio 2010 at 21:54

Prima dei mondiali il pre calciomercato impazza anche in Germania. Per il sito sport 1, l’ex pallone d’oro e capitano della nazionale azzurra (Cannavaro appunto) sarebbe uno dei possibili candidati per la difesa dell’HSV. Non ci credete? Nemmeno io eppure la stampa tedesca ama il cazzeggio calciomercantile esattamente come da noi.

La Bundesliga rimane a tre posti Champions

In Uncategorized on 24 maggio 2010 at 22:27

Sabato scorso in Germania tutti seduti al bar o a casa a seguire la finale di Champions League. Molti di quelli che di solito “detestano”  il Monaco lo hanno tifato lo stesso. I tedeschi aspettano da alcuni anni ormai di ottenere 4 squadre in champions e per farlo puntano al sorpasso della Bundesliga sulla serie A. Quindi il Bayern, squadra storicamente rivale del Werder, Shalke, HSV e Borussia (solo per citare alcune squadre), ha fatto il pieno di simpatia prima della finale. I due goal di Milito hanno rimandato il sorpasso della Bundesliga di un’altro anno. Uno smacco, le bottiglie di champagne  sono rimaste in frigo, mi sembrava di rivivere la semifinale del 2006…

Hansa Rostock perde la relegazione e retrocede nella Dritte Liga

In Uncategorized on 19 maggio 2010 at 22:01

Unica squadra dell’est a non essere mai scesa prima sotto la seconda Bundesliga (serie B), l’Hansa Rostock ha perso giorni fa la seconda partita nello scontro di relegazione contro Ingolstadt. Dopo aver perso fuori casa 1 a zero l’Hansa ha perso nuovamente 2 a zero in casa consegnando all’Ingolstadt la promozione e retrocedendo in terza divisione. Si conferma ancora una volta di più il gap fra le squadre dell’ovest e le squadre della ex DDR, di cui Rostock è stata l’ultima detentrice dello scudetto prima della riunificazione. Nota forse positiva (mi scuso con i tifosi dell’Hansa) per il calcio professionistico tedesco è la scomparsa dagli alti piani del calcio nazionale della tifoseria dell’Hansa, famosa per incresciosi episodi di  violenza. Quasi abituali gli scontri contro gli arcirivali del St Pauli che è invece stato promosso, senza nemmeno passare dalla relegazione alla serie A (Bundesliga). Un video  degli scontri avvenuti l’anno scorso si possono vedere in questo video. L’Hansa ora con nove milioni di debiti dovrà rivedere completamente la squadra cedendo probabilmente la maggior parte dei giocatori di rilievo. Probabilmente passeranno degli anni prima di rivedere Rostock nella seconda Bundesliga. Rimane ovviamente tutto da vedere se la retrocessione della squadra allontanerà le parti più radicali del tifo o se invece allontanerà definitivamente quei tanti tifosi non violenti che sino ad ora hanno seguito la squadra.

Ballack addio al Sudafrica

In Uncategorized on 17 maggio 2010 at 18:52

Il capitano della nazionale tedesca, Michael Ballack salterà i mondiali per via dell’infortunio alla caviglia procuratosi durante la FA Cup. In Germania si mogugna più per l’autore del fallo Kevin Prince Boateng che per le conseguenze che l’assenza del capitano potrebbe avvere sull’undici tedesco. Si sospetta che  Boateng, prossimo avversario con il Ghana ai mondiali possa aver premeditatamente messo fuori gioco Ballack. Dalle immagini dell’infortunio, credo che il fallo sia stato volontario, ma più che frutto di un diabolico piano in vista del WM sia il frutto dell’antipatia fra i due giocatori. Lo stesso padre di Boateng ricorda in una intervista oggi, le passate provocazioni di Ballack sul figlio (fonte http://www.spiegel.de/sport/fussball/0,1518,695185,00.html).

Finale di coppa di Germania (DFB-Pokal): Monaco 4 Brema 0

In Uncategorized on 16 maggio 2010 at 20:44

Il mio pronostico era 2 a 1 per il Werder Brema. Invece  il Bayern Monaco ha dato una lezione di bel calcio. Forse anche per colpa del modulo ad una punta, non congeniale al Brema, il Werder non è mai entrato in partita. La squadra  di Thomas Scharff dava la costante impressione di inferiorità numerica. Questo attesta la superiorità tattica del Monaco a cui poi si aggiunge la superiorità individuale del reparto offensivo rispetto alla difesa del Brema. Robben ha travolto Boenisch e Ribery motivatissimo ha regalato una delle migliori partite dell’anno. Pensavo che il Brema avesse sopratutto le motiviazioni individuali per far bene. Frinks poteva mostrare quanto si fosse sbagliato Lowe a scegliere Schweinsteiger come mediano in nazionale, Borowski dopo la deludente stagione scorsa al Bayern poteva prendersi la ricincità su Van Bommel, Wiese poteva candidarsi a portiere titolare della nazionale, Ozil confermare il suo posto da titolare per il mondiale e Marin reclamare più spazio per il torneo di coppa del mondo. Nemmeno Pizzarro, il garante di goal del Werder ha funzionato, ed a questo punto è normale,  che qualcuno mette in discussione anche l’allenatore Thomas Scharff. Ad alcuni non è piaciuto (vedi il forum dei fans del Werder) il modulo iniziale con Pizzarro come unica punta. I Bavaresi dal canto loro non hanno mostrato punti deboli, superiori nell’uno contro uno, ottima circolazione di palle, un bel gioco insomma. I gia citati Robben e  Ribery ma anche l’instancabile Olic hanno corso tantissimo ed hanno avuto voglia non solo di vincere ma di regalare ai propri tifosi novanta minuti di bel calcio. Peccato che l’opacità del Werder abbia trasformato la partita in una leziosa ora e mezza di accademia bavarese. Ora il Bayern contenderà una storica Tripletta all’Inter appena qualificatosi campione d’Italia.